Da sempre Prosetex si impegna in un’intensa attività di ricerca e sviluppo orientata a un progetto imprenditoriale (che potremmo anche chiamare Mission) che intende coniugare innovazione, gusto e creatività con sostenibilità ed etica d’Impresa.

Di qui il progetto “Green Attitude” che ha come obiettivo proporre al mercato tessuti sia in fibra naturale che sintetica, anche realizzati con fibre derivate da filiere controllate e certificate.
In particolare i tradizionali velluti - per i quali Prosetex è conosciuta nel mondo e riconosciuta come eccellenza del Made in Italy - sono realizzati con Viscosa FSC https://it.fsc.org/it-it. Questo tipo di viscosa è derivata da una filiera controllata e certificata, così da attuare un impiego responsabile delle risorse forestali.
Sono inoltre state ricercate ed individuate fibre naturali e sintetiche certificate GRS https://icea.bio/global-recycle-standard-grs/ che derivano direttamente da un processo di recupero e riciclo, nell’ottica del nuovo corso di economia circolare.

In particolare:
. tessuti e velluti in polyestere riciclato, con fibra derivata dalla filiera di recupero della plastica,
. tessuti e velluti in cotone e lana riciclati, ricavati da un processo di recupero e rigenerazione di indumenti dismessi.

Altresì è da rimancare che i filati di cotone e poliestere utilizzati per i nostri velluti e tessuti sono certificati OEKOTEXT https://www.oeko-tex.com

Da ultimo ricordiamo l’attenzione al rispetto delle normative Reach https://echa.europa.eu/it/regulations/reach/understanding-reach da parte dei nostri fornitori di servizi tintoriali, di nobilitazione e finissaggio dei tessuti e velluti.

Infine, continua la collaborazione con il Politecnico di Milano che ha già prodotto il deposito di 5 domande di brevetto per la messa a punto di una resina ignifuga per la retro spalmatura dei velluti e tessuti, che non contenga triossido di antimonio ed in generale alogenati e prodotti nocivi per la salute.

Sono stati studiati e messi a punto un processo ed un prodotto che, basandosi sull’utilizzo di nano particelle derivanti da materiali carboniosi, possa coniugare:
. eco sostenibilità
. performance in termini di resistenza al fuoco come richiesto dalle normative vigenti con costi contenuti
. sistemi di applicazione identici ai procedimenti normalmente utilizzati nell’industria tessile.